lunedì 27 novembre 2017

Terme in Italia | Uno speciale week-end tra magia e relax




Quale migliore stagione per una vacanza rilassante alle terme se non l’inverno? La voglia di riscaldarsi e coccolarsi alle terme, mentre fuori piove e tira vento, sembra essere la prospettiva migliore per il week-end. Tra cure termali, centri benessere, percorsi terapeutici e contesti meravigliosi, la nuova tendenza dei viaggiatori è proprio il relax. Tante sono le destinazioni italiane famose e non, e in quest’articolo vogliamo suggerirne alcune.

1. Terme di Pré Saint Didier – Valle d’Aosta


Zona termale nello splendido contesto naturale del Monte Bianco, qui si può conciliare il relax con gli sport invernali o con la scoperta delle bellezze naturali del posto. Il giardino delle terme offre tre piscine termali esterne e saune ricavate in baite di legno, con vetrate panoramiche sulla catena del Monte Bianco. Esperti terapisti praticano massaggi rilassanti e tonificanti su tutto il corpo.

2. Terme di Bormio – Lombardia


In prossimità del Parco Nazionale dello Stelvio, quest’area termale offre numerose possibilità per godere al meglio delle acque termali locali, con temperature che vanno dai 37° ai 40° C. Panorama direttamente sulle piste da sci, da ammirare comodamente sdraiati sull’ampio solarium sovrastante. Molti sono i servizi delle Terme di Bormio: dalle classiche cure termali ai massaggi terapeutici, dal linfodrenaggio alla riflessologia plantare e lo shiatsu.

3. Terme di Sirmione – Lombardia


Il suggestivo paesaggio rende il Lago di Garda il luogo ideale per ritrovare l’equilibrio psicofisico, l’energia e l’armonia interiore. L’acqua termale alimenta il Centro Benessere Termale “Aquaria”, con percorsi per il relax e la bellezza del corpo: piscine termali dove praticare corsi di fitness, saune, bagni di vapore, docce emozionali. Le Terme di Sirmione sono all’avanguardia per la cura delle patologie dell’apparato respiratorio, per il trattamento delle affezioni reumatiche e la riabilitazione motoria.

4. Terme di Merano – Trentino-Alto Adige


Situate in pieno centro città, le Terme di Merano sono sinonimo di wellness: qui si può lasciare alle spalle la quotidianità e godere delle proprietà curative delle sue acque. La struttura termale comprende 25 piscine interne ed esterne, svariate saune, un parco termale aperto nei mesi estivi che si estende su una superficie di oltre 5 ettari, una zona Spa & Vital, una Medical Spa, un Fitness Center e un bistro. Le numerose vetrate trasmettono ai visitatori una sensazione di spazio, creando un’atmosfera di calma e relax che dura nel tempo.

5. Abano Terme – Veneto


È sicuramente uno dei centri termali più importanti in Europa, grazie alla sua gamma di servizi di qualità e alla vicinanza strategica con Venezia, Padova, Verona, Vicenza e tutto il litorale. Sono caratterizzate da acque sotterranee profonde che sgorgano a 87° C. Peculiarità di Abano Terme sono i fanghi: la maturazione dei fanghi avviene in apposite vasche e dura circa un mese. Questi verranno poi utilizzati nei centri termali per trattamenti specifici, ma anche per la cosmesi. Oltre ai fanghi, altri trattamenti possibili sono la chinesiterapia, i massaggi, l’idromassaggio, le insufflazioni, le docce nasali, l’idropercorso, le nebulizzazioni e l’aerosol.




6. Montecatini Terme – Toscana


Le Terme di Montecatini sono tradizionalmente legate al rito delle acque depurative: le acque calde e saline che vi sgorgano servono infatti per essere bevute, allo scopo di depurare l’organismo e di risolvere numerose patologie. Grazie alla scenografica piscina termale dello stabilimento “Leopoldine” e la vasta rete di hotel dotati di Spa e centri benessere, rendono la struttura la meta ideale per una giornata all’insegna del wellness. Alcuni trattamenti specifici sono la balneoterapia, la massofisioterapia e la fangoterapia.

7. Terme di Saturnia – Toscana


La sorgente delle Terme di Saturnia nasce in un cratere vulcanico (dove sorge la piscina dello stabilimento) come un insieme di acqua sulfurea, sgorgando ad una temperatura di 37,5° C. Donano relax e benessere al solo immergersi e sono consigliate per le patologie dermatologiche, grazie ad una notevole azione antisettica. Riducono la tensione a carico dell’apparato respiratorio, consentendo un miglioramento della ventilazione polmonare. Immergersi nell’acqua calda delle piscine naturali diventa un vero piacere, anche nei mesi più freddi dell’anno.

8. Terme dei Papi – Lazio


Le risorse naturali principali del complesso sono l’acqua termale della Sorgente Bullicame e il fango naturale estratto dal laghetto del Bagnaccio. Offrono il piacere di immergersi nella monumentale piscina termale di oltre 2000 mq, un bagno tonificate prezioso per la cura della pelle sia in inverno che in estate. Perla delle terme dei Papi è la suggestiva grotta terapeutica caldo-umida. Rappresenta un trattamento unico nel suo genere: un bagno turco naturale dove cascatelle di acqua sorgiva con temperatura di 58° C riscaldano e saturano l’ambiente di vapori benefici.

9. Terme d’Ischia – Campania


Fin dai tempi dell’antica Roma, Ischia è l’isola delle terme per eccellenza e la sua natura vulcanica la rende uno dei maggiori centri termali d’Europa. A seconda della composizione dell’acqua, sono un rimedio curativo per numerose patologie, in particolare nella cura di problemi ginecologici e dei disturbi della menopausa. Il clima e la straordinaria varietà della vegetazione isolana completano i benefici delle cure.

10. Terme di Castellammare del Golfo – Sicilia


Sono alimentate da acque radioattive ipertermali che scaturiscono a una temperatura di circa 44° C da tre sorgenti, lungo le rive del vicino Fiume Caldo. Nello stabilimento termale sono presenti due piscine termali, di cui una per i bambini e la “grotta della regina”, che costituisce una vera e propria sauna naturale. Le Terme Segestane sono particolarmente rinomate sia per la loro valenza curativa, dovuta all’efficacia delle acque ricchissime di minerali, ma anche per i fanghi e i bagni di vapore in contesti particolarmente suggestivi.




Nessun commento:

Posta un commento