giovedì 16 giugno 2016

Land Art sul lago d'Iseo

Dal 18/06/2016 al 03/07/2016 sarannopercorribili, rigorosamente a piedi, i ponti galleggianti di Christo (the floatingpiers) che uniranno Sulzano a Montisola (l’isola più grande d’europa) eall’isola di San Paolo Da un lato l’intervento dell’uomo a dare valore allanatura e fornire una diversa fruizione dello spazio, occasione unica e non piùripetibile.  " Vi farò camminare sulle acque, meglio se verrete senza scarpe; sarà una passeggiata di tre chilometri dove sentirete le onde sotto i vostri piedi " parola di Christo.  Dall’altro le piramidi di terra di Zone,cumuli di terra sormontate da massi, che contribuiscono a dare unaconformazione particolare al territorio, ricordano in qualche modo le piramididella death valley ma sono immerse nel verde con una vista mozzafiato sul lagoe un ambiente naturale unico. Da vedere in qualsiasi mese dell’anno ma soprattuttonel periodo di visibilità dei ponti dell’artista americano di origine Bulgara.
chi è l'artista http://christojeanneclaude.net/ 


Sono uno degli spettacoli naturali più singolari della conca Sebina. Le Piramidi di terra che si possono vedere lasciando la strada che costeggia il Lago d'Iseo a Marone e prendendo verso Zone. Conosciute anche come le “fate dei boschi” nome poetico dato dai francesi possono raggiungere un'altezza di 30 metri. Sono i resti ancora visibili dell’era glaciale, formate da torri di terra sormontate da massi in equilibrio sulla cima, che le proteggono dall’erosione degli elementi ma che inesorabilmente le schiacciano, fino a quando, divenuta sempre più esile la colonna, il masso non precipita al suolo e la piramide rapidamente si sgretola.
Il paesaggio risulta così in continuo movimento, fra la rovina di alcune e la nascita di altre piramidi sul fronte della frana lentamente erosa dai venti e dalle acque piovane.
Il territorio interessato dal fenomeno, circa 21 ettari, è fruibile dai visitatori attraverso percorsi adeguatamente protetti.


le piramidi di Zone


È uno dei laghi italiani più belli, formatosi in migliaia di anni di erosione e ritiro dei ghiacciai, il suo aspetto, vagamente selvaggio, affascina da sempre i turisti. Le sue sponde bagnano le province di Bergamo e di Brescia e al suo interno si trova l’isola più grande d’Europa, Montisola.

lago d'iseo

Nessun commento:

Posta un commento