giovedì 10 dicembre 2015

Le Dolomiti, o anche Alpi Pallide, sono un gruppo montano delle Alpi orientali italiane, con vette che arrivano e superano i 3000 m. sede di molte località sciistiche, tra cui Cortina e la Val di Fassa.
Ma cosa non sappiamo di questa catena montuosa?

1) Sono state locations di diversi film tra cui: “Dracula” di Roman Polanski del 1967, “L’ultimo imperatore” di Bernardo Bertolucci del 1987, “James Bond” con Roger Moore del 1981 e “Cliffhanger” con Silvester Stallone del 1993.

2)  Ricci di mare a Cortina. 230 milioni di anni fa, le falesie delle nostre Dolomiti erano fondali marini, in particolare barriere coralline, di quell’enorme distesa d’acqua che era Tetide. Le forme di vita che la popolavano si sono trasformate in fossili, emersi successivamente al sollevamento della catena montuosa e all’erosione degli strati più superficiali della roccia. Per questo oggi, a quota 2000 metri, si possono trovare reperti di ricci di mare, molluschi o spugne.

3) Le Dolomiti prendono il nome dal naturalista francese Déodat de Dolomieu, che per primo studiò il particolare tipo di roccia.

4) Il Dolomiti Superski è il più vasto comprensorio sciistico d’Europa: 1200 Km di piste e 10,5 milioni di skipass giornalieri venduti all’anno.

5) L’Enrosadira, ovvero, il colore rossastro assunto dalle cime delle Dolomiti e che, in alcune ore dell’alba e del tramonto, può approssimarsi gradatamente al viola. Il fenomeno è causato dalla costituzione chimica delle Dolomiti, sono, infatti, formate principalmente dalla dolomia, roccia sedimentaria carbonatia costituita preminentemente dalla dolomite, composto di magnesio e carbonato di calcio. Tale struttura chimica fa in modo che quando l’aria è nitida, la luce del sole possa rifrangersi provocando il caratteristico colore rosato che contraddistingue queste cime alpine. Le gradazioni di colore assunte dalle montagne non sono stabili, possono cambiare, non soltanto nei diversi periodi dell’anno, ma anche da un giorno all’altro. Questo è dovuto principalmente alla posizione con cui i raggi del sole giungono sulle montagne, nonché alle specifiche condizioni dell’atmosfera e dell’aria.

6) A Pieve di Cadore è situata la casa in cui è nato Tiziano Vecellio, pittore della Repubblica di Venezia. Autore di importanti opere come: “Jacopo Pesaro presentato a san Pietro da papa Alessandro VI”, “Concerto”, “Festa degli Amorini”.

7)  Il 26 giugno 2009 il Comitato Esecutivo della Convenzione sul patrimonio materiale dell’umanità dell’UNESCO, riunita a Siviglia, ha dichiarato le Dolomiti Patrimonio dell’Umanità.

trova la struttura più adatta a te per un weekend sulle dolomiti con easyholidays

Nessun commento:

Posta un commento