martedì 7 febbraio 2017

Il Carnevale in Puglia


Se per Carnevale state pensando di regalarvi una divertente vacanza in Puglia, vi basterà scegliere se andare a Nord o a Sud. In questa terra i Carnevali si festeggiano per giorni, durante i quali le vie delle città si animano con sfilate di gruppo e imponenti carri allegorici, realizzati in cartapesta. Il Carnevale di Putignano, in provincia di Bari, è tra i più antichi d’Europa e la sua maschera caratteristica è Farinella, un jolly con abito a toppe colorate e sonagli appesi alle tre punte del cappello. Nel cuore del Salento esplode invece il Carnevale di Gallipoli, un evento che, tra musica, colori e coriandoli, lascia a bocca aperta sia grandi che piccini: un vero e proprio contenitore culturale che vi permetterà di conoscere una parte importantissima della tradizione salentina. 



La Puglia - Una terra da vivere almeno una volta nella vita


Quanti di voi, alle scuole elementari, studiando la geografia, non si sono fatti attrarre dalla forma di una regione del Sud? E come non rimanere affascinati dalla Puglia, il “tacco” del nostro Stivale, e territorio ricco di storia, arte, cultura e natura? La Puglia, è una regione incantevole, una striscia di terra che si allunga nel mare con le spiagge sabbiose di Torre dell’Orso e Porto Cesario, le riviere di scogli di Otranto e Santa Maria di Leuca, Gallipoli e le Isole Tremiti. La Puglia vi accompagna dal Gargano e la Daunia alla Puglia Imperiale, dalla Terra di Bari, alla Magna Grecia, alle Murge e alle Gravine, passando per la Valle d’Itria e la Murgia dei Trulli, sin giù al Salento: prenotate le vostre vacanze in questa regione e non ve ne pentirete!
La Puglia è una terra popolata in passato da Greci, Spartani e Romani; terra di conquiste e dominazioni, ricca di castelli, torri di avvistamento, palazzi nobiliari, borghi e piazze; terra d’arte con edifici storici rinascimentali e barocchi, musei, biblioteche e pinacoteche; terra di fede con le tante basiliche, le cattedrali e i santuari; terra di tradizioni con le famose feste patronali e le sagre paesane. Tra le rievocazioni storiche più rinomate, il Carnevale di Putignano, la Festa di San Nicola a Bari, la Disfida di Barletta e la Notte della Taranta di Melpignano, festival di pizzica e tarantelle. E infine, come ciliegina sulla torta, la Puglia è anche terra di aromi e antichi sapori, madre di una cucina povera ma gustosa, ormai nota al mondo, che vanta prodotti straordinari: il grano duro per la pasta, orecchiette e stracinati, carne e pesce, verdure e olio extravergine di oliva, il pane di Altamura, la Clementina del Golfo di Taranto e la Bella della Daunia, un’oliva di origine protetta coltivata sin dal lontano Quattrocento.

Per una breve ma intensa vacanza in questa splendida regione vi diamo un consiglio: arrivate all’aeroporto di Brindisi e iniziate da lì un interessante percorso verso Nord lungo le affascinanti coste adriatiche e ioniche, tra sabbia e scogli, passando per Lecce e Ostuni, meglio nota come la “città bianca”, Alberobello e i suoi trulli (patrimonio dell’UNESCO), e Martina Franca, circondata da una splendida campagna. Continuate poi verso AndriaBarlettaTraniBari, fino ad arrivare nel roccioso Gargano, caratterizzato da splendidi paesaggi a picco sul mare. 

Con il nostro esclusivo sistema di ricerca vi permettiamo di individuare la migliore sistemazione risparmiando fino al 70% sui prezzi ufficiali, anche grazie al metodo senza provvigioni che forniamo

lunedì 9 gennaio 2017

In Liguria tra mare e montagna: il Parco dell'Antola


Per la vostra prossima vacanza in Liguria Easyholidays vi suggerisce di visitare una delle zone più affascinanti di tutta la regione, tra l’entroterra genovese e l’Appennino ligure: si tratta del Parco dell'Antola, una splendida area protetta che vanta una notevole varietà dal punto di vista ambientale.


La cima del Monte Antola domina una zona che comprende due vallate in cui si alternano colline e formazioni rocciose, corsi e bacini d’acqua, boschi, pascoli e radure, vette panoramiche e versanti a strapiombo. Si tratta di un ambiente ricco di storia e tradizione, perfetto per escursioni, camminate e momenti di sport, adatto a tutte le stagioni: ciclismo, mountain bike, equitazione, arrampicata ed alpinismo, sci, canoa e pesca, ma anche parapendio e deltaplano. Queste sono le attività che contribuiscono in maniera più importante allo sviluppo e alla promozione del territorio. Se ne aggiungono altre, sostenibili, che riguardano invece lavori artigianali e commerciali, turistici, agricoli e di pastorizia. Anche la ricerca occupa un ruolo di primissimo piano, tant'è che il Parco dell'Antola permette un valido servizio didattico, culturale e scientifico, che prevede corsi di educazione ambientale per insegnanti e studenti delle scuole, con i quali è possibile accordarsi per approfondire determinati progetti o temi. All’interno del programma di sviluppo del Parco dell Antola, un ampio spazio è riservato infine alla promozione dei prodotti tipici del luogo, caratteristici sia dell’entroterra che della regione, come il pandolce genovese, i quadrelli di castagne, e la marmellata di petali di viole.

 Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.parcoantola.it.

Nelle Marche le incantevoli Grotte di Frasassi


Nelle Marche potrete ammirare le splendide Grotte di Frasassi, delle caverne carsiche sotterrane originatesi un milione e mezzo di anni fa e scoperte dall’uomo nel 1971.

Si trovano nel comune di Genga, in provincia di Ancona, e sono parte del più grande complesso ipogeo d’Europa. Racchiuso fra due profonde gole, quella della Rossa e quella di Frasassi, questo sistema è formato da una serie di grotte che danno vita ad uno dei percorsi sotterranei più belli e più importanti del mondo: ben 30 km di cavità sotterranee distribuiti su 8 livelli geologici differenti.

La prima grotta di questo affascinante percorso è l’Abisso di Ancona: è la più grande d’Europa, una delle più ampie al mondo, ed è paragonabile per dimensioni al Duomo di Milano. Il camino centrale è infatti alto più di 200 metri. Successivamente si giunge alla Sala 200, chiamata così per la sua lunghezza. Proseguendo si arriva al Gran Canyon, ricco di gole e crepacci, nel quale scorrono le acque del fiume Sentino. Si continua verso la Sala dell’Orsa, molto particolare per la presenza di alcuni pozzi dai quali sgorgano acque sulfuree, e si arriva infine alla Sala Pagliai e alla Sala dell’InfinitoPer maggiori informazioni è possibile consultare il sito www.frasassi.com. 

Per organizzare la vostra vacanza da sogno nelle Marche: www.easyholidays.it!

lunedì 12 dicembre 2016

Ricetta Valdostana - un’idea per la vostra vacanza


Per una gustosa ricetta valdostana ecco alcune idee che renderanno speciale il vostro soggiorno in una delle più belle regioni d’Italia!

La Valle d’Aosta vanta numerosi ingredienti di qualità, uno su tutti, e forse il più conosciuto, è la Fontina: un formaggio prodotto esclusivamente sul territorio con latte crudo e intero, dal gusto dolce, dalla pasta morbida e dall’aroma fragrante, perfetto per tutte le stagioni. Una ricetta valdostana molto apprezzata, a base di fontina, è quella della Fonduta: ottima per il periodo invernale, è una crema realizzata con latte, tuorli d’uovo, burro e croccanti crostini di pane, da servire con polenta o con un primo piatto di riso. La Polenta Concia è un altro piatto tipico preparato con farina di mais, burro fuso e formaggio (la Fontina è l’ideale), da gustare sia da solo che accompagnato con della carne e un ottimo bicchiere di Enfer d’Arvier. Vi suggeriamo poi una famosa Zuppa, ricca e sostanziosa, dal gusto deciso, la cui ricetta valdostana si presta a diverse interpretazioni a seconda delle tradizioni: di queste, una delle più diffuse prevede come ingredienti verza, burro fuso, fette di pane e fontina a dadini.

Un antipasto che non può mancare sulle tavole della Valle d’Aosta è la Mocetta, o Motsetta, tenera e gustosa carne bovina, equina o di camoscio, essiccata e aromatizzata e per sapore simile alla bresaola, servita a fette sottili insieme a pan di segale, castagne, o con burro e miele. Tra i secondi vi consigliamo invece la Carbonade, in assoluto uno dei piatti più caratteristici della cucina valdostana preparato con carne di manzo tagliata a cubetti, vino bianco, aglio, cipolla, carota ed erbe aromatiche. E’ perfetto con polenta o con patate, e vi suggeriamo in abbinamento un vino rosso Torrette o un Chianti classico. Infine, il Capriolo alla Valdostana, un’altra specialità che ben si sposa con della polenta o con un purè di patate, che figura tra i piatti a base di carne più apprezzati di tutta la regione.

Per maggiori informazioni e per organizzare al meglio la vostra vacanza in Valle d’Aosta: www.easyholidays.it!

I Calanchi di Atri: architetture naturali d’Abruzzo

I Calanchi di Atri, tanto surreali quanto spettacolari, si inseriscono in uno dei più affascinanti scenari di tutta la regione.
In occasione della vostra vacanza in Abruzzo, Easyholidays vi consiglia di visitare questa splendida zona: si tratta di un fenomeno geomorfologico molto diffuso nei territori collinari dell'area adriatica originato dall’erosione dei terreni argillosi provocata dal dilavamento delle acque sulle rocce e da passate azioni di deforestazione. La stragrande maggioranza dei Calanchi è rivolta verso sud: essendo più esposti alla luce del sole si favorisce la formazione di crepe di diversa profondità all’interno delle quali l’acqua può penetrare. Questo li rende particolarmente franosi.


La zona di Atri è quella in cui i Calanchi raggiungono il loro massimo livello di spettacolarità. Qui, infatti, queste imponenti architetture naturali si alternano a laghi di piccole dimensioni, fossi, boschi e campi coltivati, in un bellissimo insieme di colori. Si inseriscono nella Riserva Naturale Regionale dei Calanchi di Atri, un’area protetta, Sito di Interesse Comunitario (Site of Community Importance) e Oasi WWF istituita nel 1995, che si estende per 380 ettari dal fondovalle del torrente Piomba al Colle della Giustizia.


A dispetto dell’apparente ostilità del territorio la Riserva ospita una ricca e diversificata varietà di flora e fauna. Si trovano specie della vegetazione naturale della collina, specie arboree ed arbustive, numerosi rapaci notturni e diurni (sparviero, barbagianni, gufo, civetta, ecc.), e mammiferi (cinghiale, volpe, riccio, lepre, donnola, ecc.). La Riserva consente inoltre di percorrere diversi sentieri, segnalati e sicuri, e permette attività di mountain bike, endurance e trekking. In estate il programma escursionistico prevede anche una serie di suggestive camminate notturne.


Per qualsiasi altra informazione è possibile consultare il sito www.riservacalanchidiatri.it.

venerdì 9 dicembre 2016

“TURISMO IN RETE” il 12 dicembre presso l’ open space del Comune di Lecce

Da un’idea e dal progetto di rete ormai consolidato della fondatrice Paola Puzzovio parte a Lecce, lunedì 12 dicembre presso l’Open Space del Comune di Lecce in Piazza S.Oronzo, “TURISMO IN RETE – booking, inter-booking, rete e opportunità”.  L’incontro ha l’obiettivo di consolidare e stimolare con ‘vecchi’, HASH e  BTM  e nuovi, Easy Holidays  partners progetti per le strutture ricettive e per il territorio pugliese. Un momento formativo che vedrà esperti dei social raccontare e spiegare per esempio come si crea un account social, come organizzare una Fan-page e/o una promozione. Uno dei punti principali sarà la presentazione dell’Ingegnere Paolo Lillo di HASH Group del progetto di booking e inter-booking,  prenotazioni dirette, gestione del calendario e condivisione delle prenotazioni per gli aderenti al circuito Salento itinerante e suoi partners. Forti del progetto di booking diretto si parlerà di incoming e opportunità per la singola struttura e per la rete,  in sinergia per il coinvolgimento di nuovi mercati esteri che interagiscono con un’organizzazione strutturata e informatizzata. Da anni attiva nel settore turistico ricettivo con Confcommercio e Salento Itinerante e nel settore informatico per web solution con HASH informatica, Paola Puzzovio con questa iniziativa ha voluto mettere insieme richieste, necessità e soluzioni: «la rete è alla base di tutto – sottolinea Puzzovio -  permette la condivisione di progetti che individualmente non potrebbero essere realizzati sia per motivi di capacità economica sia per motivi organizzativi. Ecco perché “TURISMO IN RETE” si propone all’utenza non solo come incontro di lavoro ma anche e soprattutto come occasione di condivisione».